È morto a Londra Ronnie Biggs, autore della rapina del secolo

Prova il nostro nuovo lettore
25 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Non aveva soldi per pagare un manovale e organizzò la più grande rapina del secolo. È morto a Londra all’età di 84 anni Ronnie Biggs, l’autore dell’assalto a un treno portavalori in Scozia, nel 1963.

La sua fama era legata alla rapina al treno notturno della Royal Mail, a Glasgow, che fruttò un bottino da 2,6 milioni di sterline, 56 milioni di euro al cambio attuale. Alla Great Train Robbery, come fu ribattezzata, parteciparono 16 banditi con caschi e maschere da sci.

Arrestato insieme ad altri 10 complici, Biggs fu condannato a 30 anni, ma nel 1965 riuscì a evadere dalla prigione londinese di Wandworth. Negli anni ’70, suo figlio provò, senza successo, a chiedere la grazia alla regina. Dopo 31 anni di latitanza, per lo più trascorsi in Brasile, nel 2001, malato, Biggs si costituì alla polizia inglese. Restò in carcere fino al 2009, quando fu liberato per motivi di salute a seguito di una polmonite.

Durante la latitanza incise anche una canzone dal titolo “Nessuno è innocente”, scritta per lui dai Sex Pistols.

0 commenti