Gli anni 70 a Roma, uno scheletro "sbagliato". L'opera di De Dominicis nella mostra al Palaexpo a Roma

Prova il nostro nuovo lettore
askanews

per askanews

912
21 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Roma (TMNews) - Uno scheletro con il cane, è fra le opere della mostra Gli anni Settanta a Roma al Palazzo delle Esposizioni, un tentativo sbagliato di immortalità. La curatrice Daniela Lancioni: "E' un'opera di Gino De Dominicis che si chiama "il tempo, lo sbaglio, lo spazio", un'opera del 1969 che fu esposta per la prima volta in una mostra all'Attico dal titolo "Fine dell'Alchimia" nel 1970 ordinata da Maurizio Calvesi. E' un'opera capitale per questo artista all'epoca quasi esordiente"."Sapete che Gino De Dominicis per molto tempo negli anni 70 ha lavorato sull'idea dell'immortalità, sul superamento del principio della termodinamica che comporta la dispersione e quindi la fine delle cose.E' uno scheletro di un uomo, accompagnato dallo scheletro di un cane, questa idea dello sbaglio, questi pattini che l'uomo ha ai piedi sono come il suo tentativo di adoperare una tecnologia però inadeguata, non gli è servita, non ce l'ha fatta, lui è deceduto".

0 commenti