Vuoi rimuovere tutte le tue ricerche recenti?

Tutte le ricerche recenti saranno cancellate

Siria, freddo polare aggrava le condizioni dei rifugiati

4 anni fa13 views

Si aggravano le condizioni dei rifugiati siriani dentro e fuori i confini del paese, da quando l’intera regione è spazzata da una tempesta di neve che ha fatto precipitare la temperatura.

L’Alto commissariato dell’Onu per i rifugiati ha distribuito materiale per rinforzare le tende, coperte e stufe per 120mila persone sistemate nei campi della Valle della Bekaa, in Libano. Aiuti che restano insufficenti, come fa notare Jined al Hussein:

“La pioggia e il freddo ci hanno tolto ogni cosa. Non abbiamo quasi niente per sfamarci e io sono qui soltanto da una settimana”.

Abdel Karim Ali Ibrahim viene da Aleppo con i suoi figli: “le tende non sopportano il peso della neve e lasciano entrare l’acqua – dice – stavamo quasi meglio sotto i bombardamenti”.

Ma se per i rifugiati in Libano, Turchia e Giordania la situazione appare drammatica, non va meglio a chi è ancora in Siria e deve affrontare, oltre alle violenze, le stesse temperature polari. L’opposizione siriana denuncia la morte di due bambini ad Aleppo e a Homs a causa del freddo e invoca l’aiuto delle organizzazioni internazionali.