Kiev: l'opposizione chiede agli ucraini di rimanere a Maidan

85 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
L’opposizione chiede agli ucraini di non abbandonare piazza Maidan a Kiev, la piazza dell’Indipendenza, cuore delle manifestazioni pro-Europa. Gli agenti antisommossa, che nella notte avevano distrutto le barricate erette dai dimostranti, per il momento si sono allontanati dalla zona e la gente tenta di ricostruire quanto abbattuto dalla polizia.

In mattinata Victoria Nuland, sottosegretario agli Esteri degli Stati Uniti, arrivata martedì per tentare la mediazione tra governo e opposizione, ha incontrato i manifestanti. Alcunim come questo signore, sperano proprio in un intervento diplomatico esterno: “Sono i politici che devono risolvere la cosa, noi gente comune stiamo cercando di fare qualcosa ma i politici agiscono in senso contrario. È semplice: abbiamo solo bisogno di parlare, come i vicini di casa. Se i vicini hanno un contenzioso, o chiamano la polizia o cercano un linguaggio comune. Perché devono vivere assieme. La stessa situazione la vive l’Ucraina – se non possiamo risolvere i problemi tra di noi, abbiamo bisogno di chiedere a qualcun altro di aiutarci”.

Nelle prime ore di questo mercoledì le teste di cuoio avevano cercato inutilmente di irrompere nel municipio della capitale occupato dall’opposizione. Una ventina i feriti divisi equamente tra dimostranti e agenti. L’Alto rappresentante per la politica estera dell’Unione europea Catherine Ashton, che in giornata incontrerà il presidente ucraino Viktor Yanukovich, ha duramente criticato l’intervento della polizia.

Maria Korenyuk, Euronews: “Nonostante ieri le autorità avessero dichiarato di voler risolvere il conflitto in modo pacifico, gli eventi hanno dimostrato il contrario. La polizia antisommossa ha rimosso quasi tutte le barricate nel centro di Kiev e ha usato ancora la forza contro i manifestanti”.

0 commenti