Grillo shock: polizia e carabinieri non proteggete più i politici

Prova il nostro nuovo lettore
askanews

per askanews

927
10 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Roma (askanews) - Beppe Grillo torna a shoccare e a provocare: in una lettera aperta ai vertici delle forze dell'ordine il leader dei cinque stelle chiede di "non proteggere più questa classe politica che ha portato l'Italia allo sfacelo, di non scortarli con le loro macchine blu o al supermercato, di non schierarsi davanti ai palazzi del potere infangati dalla corruzione e dal malaffare. Le forze dell'Ordine non meritano un
ruolo così degradante", scrive il leader 5 Stelle sul suo blog rivolgendosi a Leonardo Gallitelli, comandante generale dell'Arma dei Carabinieri, Alessandro Pansa, capo della Polizia, e Claudio Graziano, capo di stato maggiore dell'Esercito italiano.
"Mi rivolgo a voi - dice - che avete la responsabilità della sicurezza del Paese. Questo è un appello per l'Italia. Il momento storico che stiamo vivendo è molto pericoloso. Le istituzioni sono delegittimate. La legge elettorale è stata considerata
incostituzionale. Parlamento, Governo e presidente della Repubblica stanno svolgendo arbitrariamente le loro funzioni".
Le manifestazioni sfociate in disordini dei Forconi -osserva - sono per la maggior parte dovuti a gente esasperata per le sue condizioni di vita e per l'arroganza, la sordità, il menefreghismo di una classe politica che non rinuncia ad alcun privilegio, tesa soltanto a perpetuare sé stessa.

0 commenti