La valigia chiamata Lassie

9 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Andando in vacanza uno dei momenti piu’ stressanti è il check in. C‘è una domanda che ci tormenta: la valigia arriverà insieme a me? 3000 valige sono perdute intorno al mondo ogni ora, cifra che significa 26 milioni di bagagli perduti ogni anno. Tuttavia questo scenario possiamo lasciarcelo alle spalle grazie a una iniziativa che vede in collaborazione Airbus l’azienda di telecomunicazioni T-Systems e il produttore di valige Rimowa.

Ecco la loro invenzione. Questa valigia è equipaggiata col sistema Bag2go’, che significa: perdere il bagaglio è cosa del passato. Con uno smart phone o un tablet si puo’ sapere in tempo reale dove si trova il bagaglio.

JAN REH, MANAGER DI AIRBUS
“E’ veramente importante per noi trovare una soluzione semplice ad uso dei passeggeri. Guardate: questa è una normale fascetta per la valigia che fa parte del passato. Quello che stiamo cercando di fare è avere un display elettronico che tu possa controllare con lo smart phone cosi’ capisci dove è la valigia”.

Fondamentalmente una Sim viene installata all’interno della valigia e dispone di due sensori che consentono di conoscere il peso del collo e di affiggere l’etichetta elettronica. La valigia dialoga direttamente col vostro smart phone quando richiedete i dettagli del volo. Quando siete in transito si puo’ fare il check dello stato e dell’ubicazione dei bagagli mediante GPS. Se il bagaglio viene manipolato o aperto durante il viaggio venite informati.

JAN REH, MANAGER DI AIRBUS:
“Speriamo di poter migliorare l’intera attuale gestione dei bagagli con Bag2go e questo è anche l’obiettivo. Stiamo lavorando insieme all’industria per vedere come risolvere il problema e gestire i bagagli e bag2go è un pezzo del puzzle in questo grande gioco per rendere i bagagli piu’ controllabili dalle linee aeree e per dare ai passeggeri migliori esperienze di volo”.

Cio’ significa che nell’atrio dell’hotel al momento di uscire si puo’ fare il check in delle valige piuttosto che andare a farlo all’aeroporto e per sapere dove è la tua valigia.

TORSTEN CHUDOBBA, T-SYSTEMS:
«Non abbiamo sviluppato qualcosa di nuovo. Abbiamo solo applicato la tecnologia esistente ottimizzandola per tracciare il bagaglio. E’ una combinazione di nuove tecnologie per semplificare le operazioni, non ci sono ulteriori investimenti da fare in aeroporto “.

Il sistema verrà testato nel 2014 e le linee aeree sono liete di partecipare perchè rintracciare ogni bagaglio perduto e consegnarlo al suo proprietario costa loro circa 100 dollari.

La IATA, che rappresenta l’industria delle linee aeree, accusa ogni anno perdite per 2.5 miliardi di dollari per questo problema e si spera che Bag2go sia una svolta per compagnie aeree e passeggeri.

ANDREW PRICE, INTERNATIONAL AIR TRANSPORT ASSOC:.:
“Questa nuova tecnologia permette di aiutare la trasformazione dell’industria ma non solo di ridurre il numero dei bagagli persi, schiude anche piu’ innovativi sistemi di consegna delle valige ritrovate….sembra una tecnologia nuova ma tra 5 anni sarà una cosa comune per tutti”.

I vostri bagagli possono anche finire in 14 diversi punti di contatto prima che li recuperiate all’arrivo – bag2go non puo’ sempre evitare che il bagaglio finisca in una destinazione sbagliata – ma il sistema potrà avvertire subito la compagnia aerea se il bagaglio è stato instradato su un percorso sbagliato e quindi rischia di finire ad una destinazione diversa, e lo si puo’ dirigere verso il giusto terminal. Mentre Bag2Go è ancora alla fase di prototipo Airbus si aspetta che costi circa il 20% in piu’ di una valigia convenzionale .

0 commenti