Caos Thailandia, ancora scontri: premier in un luogo segreto. Assaltata la Tv di Stato, in arrivo lo sciopero generale

Prova il nostro nuovo lettore
askanews

per askanews

913
10 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Bangkok (TMNews) - Resta incandescente la situazione in Thailandia, dove da giorni stanno andando in scena manifestazioni di massa contro il governo, degenerate in violenti scontri con la polizia. I manifestanti invocano un "golpe del popolo" e hanno assaltato anche la sede della Tv di Stato, Thai Pbs. Il premier Yingluck Shinawatra è dovuto fuggire dal proprio palazzo ed è stato trasferito in un luogo segreto. Nel corso delle proteste, iniziate il 31 ottobre, si sono registrati diversi morti e numerosi feriti. E i manifestanti accusano la polizia."Stanno uccidendo le persone - grida un uomo - stanno usando i soldi delle nostre tasse per ammazzarci"."Ci sparano da giorni - aggiunge un altro manifestante - Come vedete noi siamo venuti a mani nude, siamo tutti disarmati. L'unica arma che ho è questa videocamera per filmare il comportamento della polizia".Per la giornata di lunedì i leader della protesta hanno annunciato anche uno sciopero generale, e Bangkok resta in un clima di guerra.

0 commenti