Napoli - Start Up, convegno dei commercialisti napoletani (29.11.13)3

Prova il nostro nuovo lettore
Pupia

per Pupia

654
3 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
http://www.pupia.tv - Napoli. A Napoli inizia il "Natale delle Start-Up": trenta giorni di eventi dedicati all'innovazione. A promuovere la rassegna Antonio Prigiobbo, presidente della community VulcanicaMente, che riunisce, appunto, startupper e innovatori.

La carrellata di eventi si è aperta con il convegno dell'Ordine dei commercialisti napoletani sul tema "Start up, un'opportunità di sviluppo per le imprese", organizzato dal presidente della commissione Attività produttive dell'Ordine dei commercialisti, Carmen Padula, che ha annunciato l'avvio di un'attività di supporto e consulenza da parte dei commercialisti per chi ha idee da sviluppare.

Non uno sportello, "ma un'attività di animazione costante di un mondo in grande fermento e dove ci sono grandi opportunità -- ha detto Padula -- C'è la possibilità di accedere a finanziamenti ed agevolazioni fiscali. Ma non solo, il commercialista, il consulente aziendale, può avere un ruolo fondamentale per trasformare le idee in risultati e in business".

Ma il Forum a Palazzo Caracciolo è stato un momento di annunci importanti. "È pronta una task force per le Start Up -- ha affermato Edoardo Imperiale, manager di Campania Innovazione, partecipata regionale -- Ci saranno finanziamenti e supporto per lo sviluppo di idee innovative".

"I numeri parlano di 37 nuove start up campane negli ultimi cinque mesi. -- ha aggiunto l'assessore regionale alle Attività produttive Fulvio Martusciello -- Gli imprenditori possono contare su sostegni finanziari e agevolazioni fiscali: un terreno fertile sul quale si innesterà l'azione della rete regionale degli incubatori, prevista nella legge finanziaria regionale 2013".

"Cresce e si Sviluppa un eEcosistema delle StartUp Made in Naples -- ha affermato Prigiobbo -- Da oggi a Napoli si può, con più facilità, aprirsi e connettersi alla nuova economia delle StartUp, perché le parti sociali, istituzioni, imprese e associazioni investono e danno il proprio contributo nella creazione di

0 commenti