L'arte di creare un eroe, i segreti degli scrittori per bambini. Il carattere e i dettagli estetici sono fondamentali

Prova il nostro nuovo lettore
askanews

per askanews

912
6 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Milano (TMNews) - "Io credo che le fiabe, quelle vecchie e quelle nuove, possano contribuire a educare la mente" scriveva Gianni Rodari, il maestro italiano delle storie per bambini. E al centro di ogni fiaba c'è sempre un eroe, protagonista delle avventure che tengono i bambini inchiodati alle pagine di un libro. Ma come si crea l'eroe giusto? Che caratteristiche deve avere per affascinare? Se lo sono chiesti alcuni autori francesi come il giovane Christope Mauri, 24 anni, già 4 libri di successo alle spalle che hanno per protagonista Mathieu Hidalf, un bambino ribelle di 10 anni. "La cosa più importante per me è determinare prima il carattere su larga scala - spiega - E' un eroe, un anti eroe, è coraggioso o pauroso? Cose semplici così. E poi è ovviamente un eroe con un fisico: Come è, alto, basso?"Per definire l'estetica, i dettagli sono fondamentali: orecchie, naso, vestiti, contribuiscono all'esatta caratterizzazione del protagonista spiega Serge Bloch, illustratore. "Spesso basta fare degli occhi molto marcati, questo dà più presenza al personaggio. Perché quello che ci colpisce nel disegno è lo sguardo". Tutte queste cose insieme creano il personaggio con cui il giovane lettore può identificarsi, un passaggio fondamentale, dice la psichiatra Geneveve Djenati, per crescere e trovare la propria identità.D'altronde gli eroi non fanno sognare solo da bambini, ma ci accompagnano per tutta la vita perché "La fantasia fa parte di noi come la ragione - scriveva ancora Rodari - guardare dentro la fantasia è un modo come un altro per guardare dentro noi stessi".(Immagini Afp)

0 commenti