Onu aiuterà rifugiati somali in Kenya a rientrare nel loro Paese. "Ma il rimpatrio deve avvenire sempre volontariamente"

askanews

per askanews

871
3 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Roma, (TMNews) - Le Nazioni Unite aiuteranno i somali rifugiati in Kenya che desiderano rientrare nel loro Paese. È stato infatti siglato un accordo tra Somalia, Kenya e Unhcr, l'agenzia dell'Onu per i rifugiati, con l'obiettivo di favorire il rimpatrio dei somali nel loro Paese.Kitty McKinsey è la portavoce dell'Unhcr del Corno d'Africa e della regione dei Grandi Laghi: "Tutti gli espatri devono avvenire volontariamente, nessuno deve essere obbligato a rientrare nel proprio paese. È una scelta personale di ciascun rifugiato: può farlo se si sente in una condizione di sicurezza nel proprio Paese, e se pensa possa vivere tranquillamente la propria vita rientrando a casa sua".Il Kenya ospita oltre 400mila somali, in quello che è considerato il campo profughi più grande del mondo, Dadaab, al confine con la Somalia. Da più di vent'anni i somali fuggono dalle estreme condizioni di povertà e dalla guerra civile che paralizza il Paese.Molti di loro, però, non vogliono tornare a casa. In Kenya hanno trovato la loro stabilità: "Lavoro in città - racconta questo rifugiato - la mia vita qua è buona, e non sono sicuro che rientrando nel mio Paese potrò avere la stessa vita come qui in Kenya".Immagini: Afp

0 commenti