Gibilterra: la Commissione Ue respinge le proteste britanniche

Prova il nostro nuovo lettore
12 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Fastidiosi, ma regolari: gli intensi controlli alla frontiera con Gibilterra imposti dalla Spagna non hanno violato alcuna norma, secondo la Commissione europea.
I controlli di frontiera erano stati intensificati dalla Spagna nel momento più caldo della polemica con il Regno Unito, e Bruxelles aveva inviato degli ispettori sul posto.
Gli esperti europei non hanno trovato prove di alcun abuso spagnolo, ma piuttosto l’evidenza di un congestionamento del traffico frontaliero, motivo per cui la Commissione ha deciso di scrivere ad entrambi i governi, come riferisce un portavoce della Commissione:
“Le proteste dei cittadini – dice – sono state prese molto sul serio. È per questo che la Commissione chiede agli Stati membri di adottare le opportune misure per migliorare la gestione del valico di frontiera a La Linea de la Concepcion”.

L’intensificazione dei controlli alla frontiera da parte della Spagna fu vista dai britannici e dai residenti di Gibilterra come una risposta ai blocchi di cemento messi dall’amministrazione dell’enclave britannica in un tratto di mare conteso.

0 commenti