Thohir subito presidente-tifoso Inter, a Moratti posto d'onore. Imprenditore indonesiano rileva 70% e annuncia rigore finanziario

askanews

per askanews

868
36 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Milano (TMNews) - Il simbolo del passaggio dell'Inter sotto il controllo di Erick Thohir è questa maglia nerazzurra con il numero 18, quanti gli anni passati da Massimo Moratti alla guida della società di calcio che suo padre Angelo rese famosa in tutto il mondo. Un cambio della guardia netto, visto che l'imprenditore indonesiano ha subito acquisito il 70% e la presidenza, anche se avrebbe preferito una transizione più morbida con un Moratti sulla poltrona operativa più alta della società: "Ci sembrava che questa responsabilità, che in realtà era fare qualcosa con il rischio sulle spalle di qualcun'altro, fosse prima di tutto non una nostra abitudine e giusto che loro potessero invece, molto più direttamente, essere nella carica di prestigio attraverso la quale si esprime l'autorità della società". Dal canto sui Thohir, sul solco tracciato da Moratti, si è subito calato nella parte di presidente tifoso dedicando ai cugini del Milan le sue prime parole in italiano: "Chi non salta rossonero è". Dopo avere citato Facchetti e ringraziato Dio che gli ha permesso di realizzare un sogno, il nuovo numero uno nerazzurro ha quindi chiarito che non sarà un presidente con le mani buche: "Per noi - ha detto - sarà importante fare in modo che l'Inter sia vincente e piacevole da vedere, ma anche solida dal punto di vista finanziario". Niente acquisti pazzi dunque, ma piena fiducia nella strada imboccata dall'allenatore Walter Mazzarri e l'ambizione di diffondere i colori nerazzurri tra i due miliardi e mezzo di potenziali tifosi asiatici.

0 commenti