La countrysinger Kellie Pickler si racconta in "The woman I am"

Try Our New Player
94 views
  • About
  • Export
  • Add to
Negli Stati Uniti è una stella nascente, una delle più promettenti giovani “country singer”. Kellie Pickler ha 27 anni ed era appena ventenne quando partecipò ad American Idol.

Ha all’attivo quattro album. L’ultimo dei quali, “The woman I am” è appena uscito. Il titolo, “La donna che sono” è un manifesto del suo contenuto.

“Scrivo della vita. Credo sia questo che rende la musica country così speciale: che dietro le canzoni ci sono storie sulla vita delle persone, su quello che hanno passato, su dove si trovano o in che direzione sperano di andare. È per questo che la gente ama il country. È li per celebrare i momenti belli, per confortare in quelli tristi. È un amica sincera che c‘è sempre”.

Kellie ha avuto un’infanzia travagliata. Abbandonata dalla madre quando aveva due anni, il padre era alcolizzato, drogato ed è stato diverse volte in prigione. Quando aveva dodici anni i giudici la affidarono ai nonni paterni. Che si sono rivelati fondamentali per la sua crescita.

“Si scrive una canzone come si tiene un diario segreto. Ci metti dentro i tuoi pensieri intimi e i sentimenti, metti su carta la tua anima. È questo che si scrive in un diario, no? Ed è così facile metterlo in forma di canzone. Se ne tieni uno stai scrivendo canzoni. Nelle canzoni c‘è quello che si sente”.

Il suo nuovo lavoro è stato acclamato dalla critica americana. Per quanto il suo contenuto sia strettamente pesonale, il lancio è stato affidato alle parole di altri. Il singolo “Someone Somewhere Tonight” è di David Raines e Walt Wilkins ed è stato già inciso da Kenny Rogers e Pam Tillis.

0 comments