Advertising Console

    Eurozona, ripresa col freno a mano tirato nel terzo trimestre

    Riposta
    euronews (in Italiano)

    per euronews (in Italiano)

    851
    5 visualizzazioni
    È appena cominciata, eppure questa ripresa economica dell’Eurozona assomiglia già ad una falsa partenza.

    Dopo l’uscita dalla recessione in primavera, i nodi irrisolti della disoccupazione, del calo della domanda e della stretta creditizia sono tornati a pesare.

    Risultato: le stime preliminari Eurostat sul periodo luglio-settembre parlano di un Prodotto interno lordo quasi stagnante al +0,1% in confronto al secondo trimestre.

    La frenata tocca anche la prima della classe, la Germania, solo +0,3% a causa del calo nelle esportazioni. L’Italia, con il -0,1%, fa segnare il nono trimestre di fila in rosso. La Francia, a sorpresa, scivola di nuovo in territorio negativo (anch’essa a -0,1%, ma le previsione erano per una crescita).

    Per gli analisti numeri tutto sommato non così drammatici: “È comunque crescita e l’anno prossimo i dati migliorereranno ancora”, sostiene Fidel Helmer di Hauck & Aufhäuser.

    Senza contare che i Paesi periferici sembrano aver svoltato l’angolo.

    Nonostante l’instabilità politica, in Italia la contrazione sta rallentando e tutti si dicono sicuri del ritorno al segno più nell’ultimo trimestre del 2013.

    La Spagna lo ha già raggiunto, confermata la crescita dello 0,1%, mentre il Portogallo dice ufficialmente addio alla recessione con il +0,2% di crescita.