Advertising Console

    Nucleare in Iran, negoziati di Ginevra a un punto morto. Hague: "Non sprechiamo l'occasione". Teheran: accordo subito

    Riposta
    askanews

    per askanews

    1,1K
    8 visualizzazioni
    Ginevra (TMNews) - Resta in alto mare un accordo sul programma nucleare iraniano. Sembrano, infatti, a un punto morto i negoziati del "5+1": Stati Uniti, Russia, Cina, Regno Unito, Francia e Germania in corso a Ginevra, in Svizzera.Secondo Mohammad Javad Zarif, capo della diplomazia iraniana, ci sono ancora "forti divergenze di opinione" fra le grandi potenze impegnate nei colloqui internazionali.Sul piatto della bilancia uno "sconto" nelle sanzioni internazionali inflitte a Teheran se quest'ultima accetta di ridurre il suo programma di arricchimento dell'Uranio, ma è sontro su tempi e modalità. In caso di mancato accordo a breve, si rischia uno slittamento di una decina di giorni.La Casa bianca, dopo una telefonata rassicurante al premier israeliano Benjamin Netanyahu, tra i principali detrattori di una possibile intesa, ha fatto sapere che "non ci si può fidare dell'Iran e bisogna assicurarsi che Teheran si muova nella giusta direzione".Mostra ottimismo invece il capo del Foreign Office britannico, William Hague che dice: "Qualche progresso è stato fatto, non si può sprecare quest'occasione".A Ginevra, intanto, è arrivato anche il ministro degli Esteri russo, Sergey Lavrov(Immagini Afp)