Advertising Console

    Spazio, la nostra prova in volo senza gravità come gli astronauti. Il volo parabolico dell'Esa per simulare l'assenza di peso

    Riposta
    askanews

    per askanews

    1,1K
    273 visualizzazioni
    Bordeaux (TMNews) - Per un astronauta italiano, Luca Parmitano, che rientra dallo Spazio un'altra, Samantha Cristoforetti è pronta a partire. Le missioni attuali prevedono circa 6 mesi sulla Stazione spaziale, galleggiando senza peso. Ci siamo chiesti: cosa proverebbe una persona comune a vivere in assenza di gravità? Grazie all'Agenzia spaziale Europea l'abbiamo provato di persona a Bordeaux, in Francia, dove dal 1989 la Novespace effettua i cosiddetti "voli parabolici".La difficoltà maggiore è orientarsi. Fluttuando senza peso basta una piccola spinta per vagare ovunque. Sopra, sotto, destra e sinistra diventano soggettivi e sembra di vivere come in un sogno. Solo che qui tutto è reale.Si vola con un Airbus A300 appositamente certificato. Le parabole sono 30 e al culmine di ciascuna ci si trova senza peso per 22 secondi. Prima e dopo ci sono 20 secondi di ipergravità in cui il corpo pesa più del doppio e la respirazione è difficile per la compressione toracica."Il volo è molto difficile perché richiede molta precisione - spiega il comandante Jean-Claude Bordenave - ed è molto più stressante dal punto di vista nervoso che fisico perché passiamo più volte da 2G a zero G e ciascuna parabola è una sfida".I voli parabolici non servono solo agli astronauti. A Bordeaux si ritrovano centinaia di scienziati di tutto il mondo. Vengono qui a testare come risponde il fisico in microgravità e a mettere a punto esperimenti e apparecchiature. E molti di loro sono italiani. Insomma lo Spazio non è così lontano come sembra e pure la scienza ha un suo lato divertente, anche per i comuni mortali.