Polonia. Kerry ribadisce: lo scudo antimissile si farà

4 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Lo scandalo del Datagate non può e non deve compromettere i rapporti commerciali tra Stati Uniti e Unione europea. A ribadirlo è stato, da Varsavia, in Polonia, il segretario di Stato americano John Kerry. Washington e Bruxelles hanno allo studio un’area di libero scambio e i negoziati potrebbero subire un rallentamento a causa della tempesta diplomatica nata dalle rivelazioni sulle operazioni di spionaggio condotte all’estero dall’agenzia statunitense NSA.

“La Partnership per il commercio transatlantico – spiega Kerry – è davvero una cosa diversa rispetto ad altri temi a cui le persone possono pensare. Riguarda il lavoro, l’economia, la competitività economica in una comunità che compete a volte con regole molto discutibili e fragili”.

Il segretario di Stato statunitense, che mercoledì sarà in Medioriente, ha poi garantito che il sistema di difesa antimissile in Europa, nonostante la contrarietà di Mosca, proseguirà come previsto. A fine ottobre è scattata la seconda fase del piano. Lo scudo verrà dispiegato in Polonia a partire dal 2018.

0 commenti