Advertising Console

    Nazismo: ritrovati quadri trafugati, opere proverrebbero da spoliazione ebrei

    Riposta
    euronews (in Italiano)

    per euronews (in Italiano)

    700
    40 visualizzazioni
    1500 capolavori del ’900, un valore sicuramente superiore al miliardo di euro, ma per molti esperti impossibile da quantificare.

    Un vero e proprio ‘tesoro’ è stato ritrovato in un appartamento a Monaco di Baviera. Si tratta di capolavori di artisti come Picasso, Matisse, Renoir e Chagall confiscati dai nazisti durante il Terzo Reich e che si ritenevano andati distrutti nei bombardamenti.

    “Quei dipinti – se non sono dei falsi – non hanno prezzo – spiega Natsot Wilhelm Warning, esperto d’arte – Il loro valore è incalcolabile perché il prezzo dipende dal mercato e, ad esempio, le opere che i nazisti definirono arte degenerata possono raggiungere prezzi incredibili”.

    Una parte importante delle opere rinvenute – ormai al sicuro in un deposito della dogana vicino Monaco – proverrebbero dalla spoliazione degli ebrei, le cui collezioni d’arte furono confiscate o rivendute.

    “Questo caso svela la vastità dell’organizzazione dedita al furto di opere nei musei e nelle collezioni private – sostiene Ruediger Mahlo, rappresentate della conferenza ebraica in Germania – Collezioni private che appartenevano quasi tutte a proprietari ebrei”.

    Il ritrovamento è avvenuto nella primavera 2011, ma a darne notizia è stato solo ora il settimanale Focus. A Hitler piacevano dipinti romantici che idolatravano la visione del superuomo tedesco. Impressionismo, cubismo e modernismo non trovavano posto nel Terzo Reich.