L'India punta allo Spazio e lancia una sonda verso Marte. Se la missione riesce sarà il primo Paese asiatico sul pianeta

37 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Delhi, (TMNews) - L'India punta in alto, verso lo Spazio: con il lancio di una sonda senza equipaggio vuole diventare il primo Paese asiatico a raggiungere Marte, dopo i tentativi falliti da Cina e Giappone. La sonda, dal peso di 1,35 tonnellate, martedì 5 novembre lascia la Terra spinta da un razzo da 350 tonnellate per raggiungere il Pianeta rosso, a 200 milioni di chilometri di distanza. La sonda orbiterà attorno alla Terra per un mese, acquistando la velocità necessaria per sfuggire alla forza di gravità. "La missione ha due obiettivi - spiega il capo della Indian Space Research Organisation, il dottor Radhakrishnan - il primo e più importante è dimostrare la nostra capacità tecnologica di costruire una navicella spaziale e farla orbitare attorno a Marte. Il secondo è condurre esperimenti scientifici per trovare il metano, e scoprirne l'origine".Per la missione, iniziata nell'agosto 2012, l'India ha investito 4,5 miliardi di rupie, circa 54 milioni di euro. L'agenzia spaziale viene accusata di investire il denaro nello Spazio mentre un terzo dei bambini indiani è malnutrito e metà della popolazione non ha un bagno: Radhakrishnan respinge le accuse: "Sfruttiamo l'alta tecnologia per trovare soluzioni a problemi comuni: questa è stata la nostra spinta sin dall'inizio. Le infrastrutture per le comunicazioni del Paese sono state sviluppate grazie ai programmi spaziali degli anni 80". Al progetto lavorano 16mila indiani, ogni anno il Paese investe un miliardo di dollari nell'agenzia spaziale: si stima che per ogni dollaro investito ne tornino indietro due.(immagini Afp)

0 commenti