Palermo - Tratta di bambini, arrestata atleta ucraina (31.10.13)

Prova il nostro nuovo lettore
Pupia

per Pupia

644
25 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
http://www.pupia.tv - Palermo - I carabinieri della compagnia di Carini, insieme ai militari del gruppo di Palermo e dei comandi provinciali di Brescia e Trapani, hanno eseguito delle ordinanze di custodia cautelare, emesse dal gip di Palermo, su richiesta dalla locale Direzione distrettuale antimafia. I reati contestati sono quelli di associazione a delinquere finalizzata alla tratta di persone, sequestro di persona e sottrazione e trattenimento di minore all'estero. Le indagini hanno consentito di individuare un'organizzazione che avrebbe operato in diversi Paesi del mondo (tra i quali Tunisia, Cipro, Egitto e Libano) dedita alla organizzazione di "recuperi" di minori contesi tra genitori di Paesi diversi, con la pianificazione, organizzazione ed esecuzione di veri e propri sequestri di persona, spesso con l'uso della violenza. Tra le persone coinvolte l'atleta ucraina trapiantata in Sicilia: Larysa Moskalenko, vincitrice di medaglia di bronzo nella vela alle Olimpiadi di Seul 1988, titolare di società di noleggio barche di lusso di Palermo. L'inchiesta sulla tratta dei minori contesi è partita dall'incendio dell'albergo Portorais, a Cinisi, a due passi dall'aeroporto "Falcone Borsellino", nella notte tra il 28 e 29 maggio. Un incendio doloso che aveva distrutto la struttura che era chiusa da qualche anno. Nel corso delle intercettazioni i carabinieri hanno ricostruito l'organizzazione e il ruolo giocato dalla Moskalenko che, oltre ad essere la compagna del titolare dell'albergo, gestisce un'agenzia di noleggio di barche di lusso. Sarebbe stata lei a mettere a disposizione imbarcazioni e skipper all'organizzazione per la tratta dei minori. La mente del gruppo sarebbe un norvegese, chi avrebbe organizzato i traffici uno svedese. Avrebbero utilizzato come base la zona di Capaci e la logistica messa a disposizione dall'ex olimpionica di vela nata in Ucraina ma da anni trapiantata in Sicilia. L'indagine è coordinata dal pm Geri Ferrara gli arresti. (31.10.13)

0 commenti