Advertising Console

    Barletta - Torna in carcere il boss Cannito (31.10.13)

    Riposta
    Pupia

    per Pupia

    752
    55 visualizzazioni
    http://www.pupia.tv - Barletta - I carabinieri della compagnia di Barletta, insieme ai finanzieri del Gico di Bari, hanno dato esecuzione ad un decreto di sospensione della misura alternativa della detenzione domiciliare, emesso dal Tribunale di sorveglianza di Bari, su richiesta della Direzione distrettuale antimafia, nei confronti del 57enne Cosimo Damiano Cannito, noto capo del clan "Cannito-Lattanzio" di Barletta. L'uomo, già condannato in via definitiva alla pena detentiva di 30 anni per la commissione di 5 omicidi, associazione per delinquere finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti, estorsione ed associazione per delinquere di stampo mafioso, a partire dal novembre del 2011 era stato sottoposto agli arresti domiciliari per motivi di salute con il divieto di avere qualsivoglia tipo di contatto con persone diverse dai suoi famigliari conviventi, con persone pregiudicate o sottoposte a misure di sicurezza o di prevenzione.
    L'operazione conclude una complessa attività investigativa avviata dai militari della Guardia di Finanza e dell'Arma dei Carabinieri che hanno operato in stretta sinergia, conseguentemente ad una recrudescenza delle attività criminose nella città di Barletta come attentati dinamitardi e agguati anche mortali verificatisi dopo che il capo clan Cannito Cosimo Damiano è tornato a Barletta beneficiando della detenzione domiciliare per motivi di salute.

    L'indagine protrattasi anche attraverso l'utilizzo di intercettazioni e video sorveglianza ha consentito di appurare: l'esistenza nel territorio barlettano di più gruppi criminali in lotta tra di loro, originati dalla disgregazione del gruppo principale avvenuto con le operazioni "Dolmen", "Ettore Fieramosca" e "Download";
    come il capo clan intendesse dettare nuove linee guida per la ripresa delle attività criminali o convocando presso la sua abitazione numerosi gregari del sodalizio criminale che lo tenevano periodicamente aggiornato o facendosi contattare dagli stessi su utenze telefoniche intestate a terzi;
    l'assidua frequentazione dell'abitazione del Cannito da parte di malavitosi e pregiudicati di ogni risma tra cui anche un pregiudicato albanese, poi arrestato nel novembre del 2012 da militari della Guardia di Finanza poiché sorpreso a bordo di un'auto con 11 chili di marijuana.
    La conferma che il Cannito sia in qualche modo coinvolto nella guerra di mafia in atto a Barletta è arrivata la sera del 26 dicembre dello scorso anno quando due individui incappucciati di cui uno armato di pistola, a bordo di una moto, esplosero all'indirizzo del portone di ingresso della sua abitazione due colpi di arma da fuoco per poi dileguarsi velocemente.
    Cannito è stato associato alla casa circondariale di Trani.
    (31.10.13)