Advertising Console

    Israele avrebbe di nuovo colpito la Siria

    Riposta
    euronews (in Italiano)

    per euronews (in Italiano)

    795
    13 visualizzazioni
    Israele ha colpito di nuovo la Siria. Lo affermano ribelli siriani e ufficiali statunitensi citati dai media nordamericani, il governo israeliano non rilascia dichiarazioni a proposito. Secondo le testimonianze, i jet dello Stato ebraico avrebbero bombardato una base aerea vicino a Latakia, distruggendo un carico di missili anti-aerei di fabbriazione russa destinati alla milizia sciita libanese di Hezbollah.

    L’OPAC – l’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche – ha intanto fatto sapere di avere completato la distruzione degli impianti per la produzione e utilizzo delle armi chimiche, in base all’accordo tra Russia e Stati Uniti. La prossima tappa prevede il raggiungimento di un accordo tra l’Organizzazione premio Nobel per la Pace e la Siria sull’eliminazione delle scorte di armi chimiche prodotte, da ultimarsi entro la metà del prossimo anno.

    L’inviato speciale dell’Onu e della Lega Araba in Siria, Lakhdar Brahimi, ha incontrato a Damasco esponenti dell’opposizione e il presidente Bashar al Assad per cercare di portare le parti al tavolo delle trattative di Ginevra 2, e porre fine a un conflitto che secondo l’Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria, in oltre due anni e mezzo ha ucciso più di 120.000 persone.