Datagate, Berlino accusa gli Usa: spiato cellulare Merkel. La Casa Bianca smentisce: non la stiamo monitorando

askanews

per askanews

901
7 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Berlino (TMNews) - Gli Stati Uniti sono al centro di una delle peggiori crisi diplomatiche di sempre. Sotto accusa il programma di sorveglianza della Agenzia di sicurezza nazionale che sta diventando sempre più un caso internazionale e dopo la Francia, il Messico, il Brasile e l'Italia ora coinvolge uno dei più grandi alleati in Europa degli americani, la Germania. La cancelleria di Berlino ha accusato gli Stati Uniti di aver sorvegliato il cellulare della cancelliera Angela Merkel. Uno degli episodi più gravi emersi finora dallo scandalo Datagate che ha provocato una infuriata telefonata della Merkel ad Obama, riportata dal portavoce della Casa Bianca Jay Carney."Il Presidente le ha assicurato che gli Stati Uniti non stanno monitorando e non monitoreranno le comunicazioni del cancelliere tedesco", ha detto, usando il presente e il futuro, tempi verbali che non tranquillizzano Berlino su quanto fatto in passato."Gli Stati Uniti stanno esaminando il modo in cui vengono raccolti i dati - continua Carney - Entrambi i leader hanno convenuto di intensificare la cooperazione fra i servizi di intelligence con l'obiettivo di tutelare la sicurezza di entrambi i paesi e proteggere la privacy".(Immagini Afp)

0 commenti