Musy muore dopo 19 mesi di coma: mai cosciente dall'agguato. Un killer gli sparò fuori casa il 21 Marzo scorso

askanews

per askanews

853
15 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Torino (TMNews) - La strada nel centro di Torino in cui abitava il consigliere comunale dell'Udc Alberto Musy è vuota e silenziosa nel giorno della sua morte, sopraggiunta dopo 19 mesi di coma a seguito di un attentato compiuto proprio in questa via, nell'androne del suo palazzo. I colpi del killer che lo hanno raggiunto il 21 Marzo scorso mentre rientrava dopo aver riaccompagnato le figlie a scuola, intorno alle 8 del mattino, non lo hanno ucciso sul colpo ma lo hanno ridotto in uno stato di incoscienza da cui non si è mai ripreso.Dopo mesi di indagine, grazie anche alle immagini delle telecamere di sicurezza che hanno ripreso il killer mentre casco integrale in testa cammina per il centro di Torino, a Gennaio è stato arrestato Francesco Furchì, che aveva sostenuto la candidatura di Musy. L'uomo, che si è sempre dichiarato innocente, secondo l'accusa avrebbe maturato un forte risentimento nei confronti di Musy, che non lo avrebbe aiutato nelle sue mire politiche ed ecnomiche.I funerali di Alberto Musy si svolgeranno a Torino, lunedi 28 Ottobre, presso il Santuario della Consolata.

0 commenti