Miss Italia 2013 sbarca su La7 con Ghini, Bocci e la Chillemi. Patrizia Mirigliani: io ferita, in Italia il merito è reato

TM News  Video
839
62 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Milano (TMNews) - Miss Italia trasloca: armi, bagagli, sogni e speranze delle reginette di bellezza italiane dopo 24 anni lasciano di nuovo la Rai e approdano, il 27 ottobre a Jesolo e su La7. A far da padrini 3 "disturb-attori": Massimo Ghini, Cesare Bocci e Francesca Chillemi, Miss Italia 2003."Io - dice Ghini - ho giocato nei trailer che abbiamo fatto insieme a segregare Miss Italia dietro una porta e a non volere la cartelletta in mano, un gioco molto semplice per far capire che tentiamo più di fare spettacolo più che leggere le regole, i numerio e quant'altro. Cose che faremo speriamo in modo più divertente ecco".Miss Italia incorona la rappresentante dell'italica bellezza dal 1939 ma dopo il forfait della Rai ha rischiato di sparire per sempre. La presidente della Camera, Laura Boldrini se ne rallegrò. Mi ha ferito, ha ribattuto la Mirigliani, l'Italia non premia il merito. Ma davvero la bellezza è diventata un valore negativo? Sentiamola con il direttore della 7, Paolo Ruffini."La bellezza - dice Mirigliani - diventa un valore negativo quando è associata al nulla. quando è associata al talento, all'intellegenza e alla personalità diventa un valore aggiunto e può diventare anche un punto di partenza"."La bellezza è un fattore classico - aggiunge Ruffini - che ci accompagna dalla storia del mondo, sarebbe paradossale averne paura".Tra le curiosità, la Miss uscente Giusy Buscemi, con lo spostamento di data è la miss più "longeva" nella storia, mentre tra le 63 finaliste c'è anche Stefania Vincenzi sopravvissuta al naufragio della Costa Concordia e figlia di Maria Grazia Tricarichi, il cui corpo è stato ritrovato solo di recente.

0 commenti