Advertising Console

    Medioriente, nuove colonie israeliane aumentate del 70% nel 2013. 1708 nuove case, contro le 995 dello stesso periodo nel 2012

    Riposta
    askanews

    per askanews

    1,2K
    6 visualizzazioni
    Gerusalemme (TMNews) - L'apertura di nuovi cantieri di insediamenti israeliani nei territori palestinesi è aumentata "drasticamente" del 70% nel primo semestre 2013 rispetto all'anno precedente. Lo ha rivelato una Ong israeliana, Peace Now, secondo la quale in Cisgiordania e a Gerusalemme Est tra gennaio e giugno 2013 sono stati avviati i lavori per 1.708 nuove case mentre nello stesso periodo dell'anno precedente ne erano state iniziate 995.Secondo Peace Now, almeno 180 dei nuovi insediamenti sono abusivi, nel senso che non hanno ottenuto le autorizzazioni necessarie da parte delle autorità israeliane. D'altra parte, altri 2.840 insediamenti la cui messa in cantiere era cominciata prima del 2013 erano ancora in corso durante il primi sei mesi dell'anno.La notizia pare destinata a creare nuove tensione nel conflitto israelo-palestinese e nella comunità internazionale che condanna la costruzione di colonie israeliane nei territori occupati, senza fare distinzioni tra quelle abusive e quelle autorizzate dal governo israeliano.(Immagini Afp)