Advertising Console

    Robert Redford: le critiche del Congresso ad Obama? "Razzismo". Le accuse dell'attore e regista dopo lo shutdown

    Riposta
    askanews

    per askanews

    1,2K
    10 visualizzazioni
    Milano (TMNews) - Robert Redford attacca i repubblicani, colpevoli di aver provocato la paralisi dell'amministrazione federale, il cosiddetto shutdown, per protesta contro la riforma sanitaria di Obama e lancia pesanti accuse in un'intervista alla Cnn, in cui racconta della sua delusione per i risultati ottenuti finora dal governo."Quello che volevo vedere è un po' un sogno che non si è avverato. Non invidio la sua posizione. E' un brav'uomo, un uomo intelligente, compassionevole che non può funzionare in quell'ambiente. Un ambiente decrepito e paralizzato, c'è una parte di Congresso che vuole paralizzare il sistema e credo che sotto sotto ci sia anche un po' di razzismo, una cosa terribile".Un'accusa forte quella di Redford secondo cui il razzismo è uno dei problemi che congela la politica americana a cui se ne aggiungono molti altri fra cui la paura di cambiare. "C'è un gruppo di persone che quando vede arrivare il cambiamento si sente minacciato, terrorizzato e arrabbiato.