Giornata dell'alimentazione, in 842 milioni soffrono la fame. Anche in Italia aumenta chi deve chiedere aiuto per mangiare

Prova il nostro nuovo lettore
askanews

per askanews

912
4 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Milano (TMNews) - L'alimentazione è uno dei grandi temi su cui si gioca il futuro del mondo. Dalla distribuzione delle risorse alle filiere sostenibili, il modo in cui verrà affrontato l'argomento avrà conseguenze pratiche ambientali e sociopolitiche. Uno dei nodi più grossi da sciogliere è quello degli sprechi e delle quantità enormi di cibo buttate ogni giorno nei paesi industrializzati. Solo in Italia si spreca l'equivalente di 18 miliardi di euro.Nella Giornata mondiale dell'Alimentazione dedicata dalle Nazioni Unite e in particolare dal "World food programme" ai "Sistemi Alimentari Sostenibili per la Sicurezza Alimentaree la Nutrizione", l'attenzione è concentrata sulle diseguaglianze e sui problemi che costringono attualmente 842 milioni di persone al mondo a soffrire di fame cronica. Eppure il cibo ci sarebbe e pure per un numero di persone superiore a quelle che attualmente popolano il Pianeta.Uno squilibrio colpa di un sistema di produzione e distribuzione che finora si è rivelato fallimentare e non è stato in grado di assicurare un'esistenza degna a tutti. Il problema non riguarda solo altri continenti ma diventa sempre più d'attualità anche in Italia dove nel 2012 il numero delle famiglie che hanno chiesto aiuto per mangiare è aumentato del 9%.

0 commenti