In Siria commando armato rapisce 7 operatori della Croce Rossa. Il portavoce: Non abbiamo ancora avuto alcun contatto

askanews

per askanews

871
6 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Milano, (TMNews) - In Siria un commando di uomini armati ha rapito sei operatori del Comitato internazionale della Croce Rossa e un volontario della Mezzaluna rossa nella provincia di Idlib, una delle zone più calde del conflitto, nel nordovest del Paese. La Croce Rossa sta tentando di aprire un canale con i rapitori, finora senza esito, come spiega il portavoce Simon Schorno, da Damasco."Non abbiamo avuto ancora alcun contatto con i nostri colleghi da quando sono stati rapiti, ora come ora non sappiamo dove sono o chi li abbia presi".Gli unici dettagli sul rapimento per ora arrivano dalla ricostruzione fatta dalla televisione di Stato secondo cui il sequestro è avvenuto lungo la strada fra Sarmin e Saraqeb, una zona a larga maggioranza nelle mani delle forze che si oppongono al governo di Bashar al Assad."Per il momento noi continuiamo a fare il nostro lavoro - precisa Schorno - In questi giorni siamo nelle aree rurali di Damasco ad esempio per distribuire aiuti". L'organizzazione infatti continua a lavorare sul territorio a fianco della popolazione nonostante con l'aggravarsi del conflitto molti volontari e dipendenti stranieri siano stati fatti rientrare nei loro Paesi.(Immagini Afp)

0 commenti