Hong Kong trampolino di lancio per artisti del Sudest asiatico. L'ex protettorato capitale dell'arte a prezzi ragionevoli

Prova il nostro nuovo lettore
askanews

per askanews

900
253 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Hong Kong (TMNews) - Hong Kong, da alcuni anni, è una delle città più dinamiche dal punto di vista artistico e sempre più si rivela polo d'attrazione per chi vuole sfondare. Così i giovani creativi del Sudest asiatico sempre più spesso scelgono di puntare sull'ex protettorato britannico, come nel caso della vietnamita Dang Thao Ngoc."Molte persone - ha spiegato l'artista - vengono a Hong Kong per vedere opere d'arte, amano le opere d'arte. In Vietnam tutto questo non succede: esporre qui è una grande opportunità".La piazza, poi, è interessante e vantaggiosa anche per chi vuole acquistare arte. "Spendendo tra i 5mila e i 10mila euro - spiega Mark Saunderson, direttore dell'Asia Contemporary Art Show - si possono acquistare opere di ottima qualità. In Cina, per esempio, le stesse opere costerebbero molto di più".Non sono comunque solo gli asiatici a puntare su Hong Kong, ma anche artisti italiani, come il milanese Federico Comelli Ferrari, salito alla ribalta della cronaca locale per aver firmato l'opera simbolo di due fiere artistiche di Hong Kong, giustamente ispirata all'incredibile skyline dell'ex città Stato. Un punto di partenza privilegiato per andare poi alla conquista dello sterminato mercato asiatico.

0 commenti