Boldrini a Lampedusa: cambiare politiche e leggi su immigrazione. Presidente della Camera rende omaggio alle vittime del naufragio

Prova il nostro nuovo lettore
askanews

per askanews

912
17 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Lampedusa, (TMNews) - La tragedia di Lampedusa ci insegna che "nulla dovrà essere più come prima", a partire dalle politiche italiane verso i Paesi di origine dei richiedenti asilo, ma anche verso quelli di transito. Lo dice il presidente della Camera Laura Boldrini, tornata a Lampedusa per rendere omaggio ai morti in mare e visitare il centro di accoglienza di contrada Imbriacola. "Perchè intere generazioni di eritrei lasciano il paese, migliaia di somali fuggono? Lì bisogna cominciare a lavorare e riprenderci un ruolo che storicamente ci appartiene".Per il presidente della Camera bisogna fare chiarezza sul tema. "Bisogna spiegare meglio che quel reato di clandestinità non va in alcun modo a mettere in discussione il dovere di soccorrere in mare, l'unico reato è quello di omissione di soccorso. La nostra elgislazione non è più adeguata, l'immigrazione è un fenomeno che cambia velocissimamente".Laura Boldrini richiama la necessità di una cabina di regia per il controllo delle coste che impegni tutti i Paesi rivieraschi. "Se non si cede sovranità non si arriverà mai ad avere quell'entità politica che tutti invochiamo".

0 commenti