Advertising Console

    Il turismo in Kenya fa i conti dopo l'attacco al Westgate mall. Si temono ripercussioni sulla maggiore industria del paese

    Riposta
    askanews

    per askanews

    1,2K
    159 visualizzazioni
    Nairobi (TMNews) - L'industria turistica del Kenya, un business da decine di milioni di dollari che vale il 12% dell'economia nazionale, fa i conti con il recente attacco terroristico in un centro commerciale di Nairobi che ha provocato 67 morti nel corso di un drammatico assedio di quattro giorniSono in molti a chiedersi con preoccupazione l'effetto che l'attacco nello shopping mall avrà sui flussi del turismo. Lo scorso anno in Kenya sono giunti quasi 2 milioni di visitatori. Il numero era già sceso all'inizio di quest'anno a causa degli incidenti legati alle elezioni. E tutti temono che i numeri peggioreranno. Anche se non tutti i turisti hanno deciso di disertare."L'attacco non ci ha fatto cambiare idea. Eravamo un po' preoccupati sul viaggio ma poi abbiamo pensato che la cosa migliore da fare per questo paese fosse non fuggire"."Ero piuttosto scettica all'inzio ma sinora non abbiamo avuto nessun problema. Certo, non siamo andati in centro, dove è successo tutto. E penso che ne staremo lontani".Quello del Westgate mall è stato il peggior attacco terroristico in Kenya dopo l'attentato contro l'ambasciata statunitense nel 1998. Molto scalpore in tutto il mondo ha provocato l'uccisione di 18 stranieri come la voce secondo cui nel commando sarebbe stata coinvolta anche la "Vedova bianca", una cittadina britannica moglie di attentatore suicida.(Immagini Afp)