Advertising Console

    L'Iran mostra i muscoli e i suoi missili a lungo raggio. Un'imponente parata militare per avere più forza nei negoziati

    Riposta
    askanews

    per askanews

    1,1K
    156 visualizzazioni
    Teheran (TMNews) - "Si vis pacem para bellum", se vuoi la pace preparati alla guerra, sottolineavano i Romani in latino. La traduzione odierna in lingua farsi sembra essere la parata militare nell'anniversario della guerra imposta all'Iran dall'Iraq di Saddam Hussein che scatenò un feroce conflitto durato dal 1980 al 1988 destinato a provocare un milione di morti.Nell'occasione, il regime iraniano ha mostrato per la prima volta al mondo una trentina di missili con un raggio d'azione di 2.000 km, in grado cioè di colpire obiettivi in territorio israeliano e le basi militari statunitensi nel Golfo persico. Uno sfoggio muscolare che non è in contraddizione con le dichiarazioni distensive rilasciate nei giorni scorsi dal presidente iraniano Hassan Rohani.Parlando alle truppe schierate, Rohani ha ricordato come negli ultimi due secoli l'Iran non ha mai attaccato altri paesi e che nemmeno oggi ha intenzione di lanciare azioni aggressive nella regione. I 12 missili Sejil e i 18 Ghadr hanno solo funzioni difensive."La nazione iraniana, erede di una grande civiltà, ha ribadito Rohani, non svilupperà mai armi di distruzione di massa e si attiene scrupolosamente alle Convenzioni stipulate a livello internazionale".Una parata militare può anche servire a tradurre il latino in farsi...(Immagini Afp)