Ultradestra europea a Cantù per due giorni, sinistra in piazza. Forza Nuova: linciati da media, anacronistico chiamarci fascisti

Prova il nostro nuovo lettore
askanews

per askanews

901
32 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Milano (TMNews) - Sarà il Campo solare di Cantù, una struttura comunale che in passato ha ospitato anche feste della Lega o per la fine del ramadan, la sede del secondo Festival boreal, raduno europeo dell'ultradestra in programma in provincia di Como il 13 e 14 settembre. I partiti del centrosinistra vogliono vietarla, facendo leva sulle leggi che impediscono l'apologia del fascismo, ma a concedere l'area è stato proprio un sindaco di centrosinistra e gli organizzatori come Marco Mantovani, segretario milanese di Forza Nuova, garantiscono di avere le carte in regola:"Noi siamo da oltre un mese sottoposti a un linciaggio mediatico, basato sul nulla: nessuno ci ha chiamato per chiederci di cosa parleremo, che cos'è questo festival. Ci sono milioni di persone in tutto il mondo che manifestano contro i matrimoni omosessuali. Noi non siamo contro gli omosessuali, esattamente come non siamo contro l'immigrato, siamo contro l'immigrazione che è una cosa ben diversa. Chiamarci fascisti è anacronistico, chiamarci nazisti è ridicolo".Di certo l'appuntamento non è aperto a tutti, visto che gli organizzatori si riservano il diritto di selezionare gli ingressi, compresi quelli dei giornalisti, e comunque l'Associazione nazionale partigiani e i partiti del centrosinistra hanno confermato una contromanifestazione diprotesta in programma il 18 settembre a Como.

0 commenti