A Damasco gli hotel diventano rifugio per gli sfollati. Molti siriani dalle province scappano nella capitale

askanews

per askanews

871
193 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Damasco (TMNews) - A Damasco le uniche stanze d'albergo occupate non ospitano turisti, ma sfollati. La guerra civile ha cancellato la Siria dalle mete dei viaggiatori, azzerando un settore fiorente e trasformando gli alberghi in rifugio per chi scappa dalle violenze."Prima la nostra clientela era formata da turisti dall'Arabia e da altri Stati ma ora tutti i nostri clienti sono siriani che arrivano da altre province e che vengono qui per cercare lavoro o per andare da un dottore", racconta un impiegato in un hotel. Gli ospiti vivono spesso in stanze piccole, in stato di abbandono, che usano come miniappartamenti, in cui dormono, cucinano, mangiano."Sono fuggito da Aleppo con la mia famiglia a causa del conflitto - racconta Bosrawi - Vivo qui a Damasco ormai da 5 mesi". L'uomo è ospite del Al-Khansaa Hotel dove ormai le storie come quella di Bosrawi sono all'ordine del giorno. "I nostri ospiti sono famiglie sfollate da altre regioni per questo per loro abbiamo tariffe speciali". La normalità, per tutti loro, sembra ancora molto lontana.(Immagini Afp)

0 commenti