Advertising Console

    Usa, lavoratori dei fast food in piazza per stipendi più alti. E' la più grande protesta di sempre del settore in America

    Riposta
    askanews

    per askanews

    1,1K
    123 visualizzazioni
    New York (TMNews) - E' stata definita la più grande protesta nel settore dei fast food che ci sia mai stata negli Stati Uniti. Migliaia di lavoratori della catena McDonlad's e altri ristoranti come Burger King, Pizza Hut e Kentucky Fried Chicken sono scesi in piazza per chiedere maggiori garanzie professionali e un aumento dei loro salari."Sono qui perché credo nella possibilità di un cambiamento - spiega questo giovane - chiediamo almeno 15 dollari l'ora perché 8 non sono sufficienti per vivere; aumentano i costi ma non i salari, ci auguriamo che le nostre richieste vengano ascoltate"."Queste aziende guadagnano miliardi di dollari - urla il reverendo William Smart alla folla di dipendenti all'interno di un Burger King a Los Angeles, in California - mentre i lavoratori fanno la fame e sono sono costretti a cercarsi un secondo lavoro per tirare a campare, questo non è giusto".Il settore dei fast food negli stati Uniti conta oltre 3 milioni di dipendenti ma la maggior parte di loro lavora part time e i salari bassi e dimezzati spesso non bastano a garantire una "sopravvivenza" dignitosa. McDonald's, tuttavia, in occasione del precedente sciopero ha precisato che gli stipendi sono di competenza dei negozi che operano in franchising nel mondo e che, in molti casi, sono già stati raggiunti accordi per compensi più competitivi e benefit che andassero incontro alle legittime esigenze dei dipendenti.(Immagini AFp)