Greepeace sfida la Russia nell'Artico con un suo rompighiaccio. Per le prospezioni petrolifere nel fragile ecosistema di ghiaccio

Prova il nostro nuovo lettore
askanews

per askanews

926
39 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Mosca (TMNews) - Greenpeace lancia la sua sfida alla Russia sulle rotte commerciali dell'Artico con un rompiaghiaccio e la sua flottiglia di gommoni per bloccare le trivellazioni petrolifere nel fragilissimo ecosistema iperboreo."Stiamo entrando ora nel Corridoio marino settentrionale, spiega Paul Ruzycki, vice capitano dell'Arctic Sunrise, l'ammiraglia di Greenpaece nell'Artico. Questa è la linea di demarcazione tra il Mar di Kara e quello di Barents. Siamo tecnicamente 16 miglia al largo della costa e quindi in acque internazionali e questo ci consente un passaggio pacifico in questo tratto di mare".La scorta dell'Arctic Sunrise sono i gommoni che inalberano bandiere con la scritta in russo: "Salviamo l'Artico"."L'Arctic Sunrise sta attraversando questo braccio di mare, dichiara battagliera Christy Ferguson, attivista di Greenpeace, nonostante le autorità russe cerchino di tenercene fuori. Vogliamo denunciare il pericolo della trivellazioni nel Parco nazionale artico della Russia. Visto che i responsabili russi vogliono nascondere qualcosa noi andremo là e faremo conoscere la verità a tutto il mondo".(Immagini Afp)

0 commenti