Advertising Console

    Egitto, il dramma di chi attende di riavere i corpi dei parenti. Il triste viaggio in un obitorio del Cairo

    Riposta
    askanews

    per askanews

    1,1K
    98 visualizzazioni
    Il Cairo (TMNews) - Le guerre civili e i massacri fanno notizia, almeno nelle loro prime fasi, sui media di tutto il mondo. Ma come in ogni tragedia, grande o piccola che sia, una volta spenti i riflettori resta il solitario dolore di chi è rimasto coinvolto. E così intorno a un obitorio del Cairo si affollano i parenti delle vittime degli scontri che hanno sconvolto l'Egitto nelle ultime settimane. Storie di morti anonime, che però per le famiglie sono perdite irreparabili, rese ancora più strazianti dalla difficoltà di recuperare i corpi dei loro cari e dall'incertezza sulla dinamica dell'uccisione."Alcuni dicono che mio figlio è morto soffocato - dice un padre - altri dicono che può saperlo solo Dio".Parole che, nell'attuale caotica situazione dell'Egitto, suonano ancora più eloquenti.