Bossi: Berlusconi non accetta di uscire di scena per la grazia. Da Pontida gela le ambizioni di Tosi: meglio Marina

Prova il nostro nuovo lettore
askanews

per askanews

927
24 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Pontida, (TMNews) - "Se costringono a Berlusconi a dimettersi è impensabile che i suoi continuino a sostenere il governo".Umberto Bossi parla da Pontida, dove da due anni a questa parte tiene il tradizionale comizio di Ferragosto. Sa che il governo non reggerebbe se Berlusconi venisse costretto alle dimissioni, ma non pensa che il leader della rinata Forza Italia potrebbe accetare la grazia in cambio di un'uscita di scena:"Secondo me non accetterebbe, sarebbe un ricatto mica tanto democratico. E poi conoscendolo non accetterebbe".Guardando alle questioni in casa Lega Bossi gela le ambizioni di Flavio Tosi, autocandidato alle primarie del centrodestra: è meglio Marina Berlusconi dice. Quanto al tema del congresso si schiera col suo successore: no a spaccature tra bossiani e maroniani"Maroni non vuole andare al congresso dove ci sono bossiani contro maroniani, su questo ha ragione: vorrebbe dire danneggiare la Lega"Ora occorre concentrarsi su questo governo, dice il Senatùr, perchè "non fa nessuna legge per l'economia".

0 commenti