Torino - Sequestrati 250 milioni ai Ligresti (12.08.13)

Pupia

per Pupia

658
6 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
http://www.pupia.tv - Torino - Dopo l'arresto, il 17 luglio scorso, di Salvatore Ligresti, e dei tre figli Giulia, Jonella e Paolo, insieme ad alcuni ex top manager di Fondiaria Sai, accusati di falso in bilancio aggravato e manipolazione del mercato nell'ambito dell'inchiesta "Fisher Lange", la Guardia di Finanza, lunedì mattina ha sequestrato, in via preventiva, beni per oltre 250 milioni di euro alla potente famiglia di immobiliaristi. Il provvedimento, disposto dal gip di Torino Silvia Salvatori, ed eseguito dai finanzieri del nucleo di polizia tributaria, coordinati dal procuratore aggiunto Vittorio Nessi e dal sostituto Marco Gianoglio, riguardano alberghi di lusso, complessi immobiliari, conti correnti e polizze assicurative, riferibili alla Fondiaria Sai, alla famiglia Ligresti e agli altri ex manager arrestati, che corrisponderebbero al profitto illegalmente ottenuto attraverso i reati da loro commessi. Tra i beni sequestrati il Golf Hotel Campiglio di Madonna di Campiglio, una delle residenze storiche della corte asburgica, il "Principe di Piemonte di Torino", il "Naxos Beach" di Taormina, il "Grand Hotel Fiera Milano" e alberghi della catena "Atahotels". 253 milioni, per la precisione, gli utili illeciti che sarebbero finiti alla holding dei Ligresti, la Premafin, grazie a irregolarità nella compilazione del bilancio della compagnia assicuratrice e, in particolare, all'alterazione della voce "Riserva sinistri". Si tratta di sequestri volti a ledere il diritto di proprietà e non ad incidere sulla gestione delle strutture, alle quali, dunque, non è stato apposto alcun sigillo. (12.08.13)

0 commenti