Advertising Console

    Prandelli sfida l'Argentina: servono personalità e gioco. Il ct azzurro parla di Balotelli e Osvaldo

    Riposta
    askanews

    per askanews

    1,2K
    14 visualizzazioni
    Roma (TMNews) - "Quando affronti grandi giocatori e grande squadre la cosa che balza agli occhi di tutti è la personalità di una squadra e una capacità di esprimere il proprio gioco".Cesare Prandelli traccia la via per la sfida all'Argentina. La gara, pur nello spirito di festa per Papa Francesco, rappresenta comunque anche un test tecnico importante. Il ct azzurro ha poi dedicato un pensiero a Mario Balotelli, che aveva parlato di un regalo dal Pontefice per il proprio compleanno."Il regalo - ha detto Prandelli - se lo può fare da solo trovando quella convinzione di poter essere veramente un giocatore determinante. Questo è il regalo che si può fare e che può fare anche a noi".Da un campione inquieto a un altro, Osvaldo. "L'ho visto molto determinato e motivato - ha concluso il ct - quindi io mi auguro che possa trovare qualcosa di importante non solo per lui ma anche per la Roma, perché penso che quest'anno la Roma potrebbe essere una novità importante".Novità che si spera arrivino anche dalla sfida con l'Argentina, che in competizioni ufficiali non battiamo dal Mundial del 1982. E la delusione della semifinale di Italia 90 è di quelle che il tempo non cancella.