Advertising Console

    NY, il tunnel di Park Avenue diventa un'installazione artistica. Voice Tunnel di Lozano-Hemmel, strano connubio di voci e luci

    Riposta
    askanews

    per askanews

    1,1K
    96 visualizzazioni
    New York, (TMNews) - Onde luminose che rincorrono onde sonore lungo le pareti di una galleria. E' il progetto Voice tunnel, dell'artista Rafael Lozano-Hemmel che celebra, in un certo senso, la libertà di parola. Per la prima volta dal 1930 il Park Avenue tunnel di New York è stato aperto al pubblico, la vera anima di questa installazione. I visitatori, infatti, durante la passeggiata all'interno possono fermarsi a parlare a un microfono posto al centro della galleria. Subito dopo la loro voce si propagherà lungo tutta la galleria, seguita da onde di luce di pari intensitàE' un tunnel che non è mai stato aperto ai pedoni nei suoi 200 anni di storia. E' la prima volta che la gente ci può camminare dentro - racconta l'artista - Per realizzarlo abbiamo messo 300 faretti da teatro che creano un arco di luce lungo il muro e il perimetro della galleria, e 150 amplificatori. Diventa così una installazione vocale: non appena qualcuno parla al citofono, un piccolo microfono al centro del tunnel, la voce si converte in luci che lampeggiano. Se uno sta in silenzio le luci saranno spente, mentre se parla lampeggiano come il codice Morse.Il paradosso di questa installazione, tuttavia, è che la volontà di celebrare la libertà di parola dell'artista ha spinto il Dipartimento di polizia di New York a chiedere una censura per i messaggi pericolosi o offensivi che i visitatori avrebbero potuto lanciare. Dopo un'inniziale chiusura, l'artista messicano-canadese ha accolto le richieste: i messaggi offensivi o allarmisti sono cancellati e sostituiti con citazioni celebri di autori come di Garc a Lorca, Laurie Anderson e Kathy Acker.(immagini Afp)