Advertising Console

    LEGAMBIENTEO COPRE LO SCONCIO DI SANT'AGOSTINO

    Riposta
    matera2019

    per matera2019

    56
    82 visualizzazioni
    Da oltre venti anni l'area del giardino della Chiesa di S.Agostino nei Sassi di Matera è oggetto di dispute tra associazioni di cittadini e la Soprintendenza di Basilicata che sta realizzando, in cemento, una sala destinata a manifetazioni pubbliche.

    Il progetto originale prevedeva un parcheggio interrato su due livelli.

    Dopo numerosi stop e riavvii ora i lavori sono in fase di ultimazione.

    Legambiente non accetta questa "oscenità" e organizza una manifestazione per denunciare la vergogna di un comportamento e di un'opera che così com'è non può essere messa in bella mostra agli occhi dei visitatori della città che vorrebbe essere capitale europea della cultura per il 2019.

    In un comunicato Legambiente di Matera ha descritto il lavoro di Daniele da Volterra detto il Braghettone - allievo di Michelangelo - il quale ebbe il compito di "coprire le oscenità" lasciate dal suo maestro su affreschi rappresentanti nudi e che erano invisi alla Chiesa.

    Alla stessa maniera questa mattina un gruppo di cittadini ha scritto la parola "vergogna" usando le foglie di fico con il chiaro significato di "coprire le oscenità realizzate dalla Soprintendenza di Basilicata