Piotr Ofitserov, da sconosciuto a compagno di carcere di Navalny. L'imprenditore condannato insieme al blogger anti Putin

12 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Mosca, (TMNews) - Incarcerato insieme ad Alexei Navalny, avvocato e blogger schierato contro il presidente russo Putin e candidato a sindaco di Mosca. Piotr Ofitserov è diventato famoso per aver condiviso con lui 22 ore di carcere per poi venire rilasciato. Il suo ruolo nella vicenda risale al 2009: allora era direttore di una società che, secondo l'accusa, avrebbe sottratto 16 milioni di rubli pubblici insieme a Navalny, che faceva il consulente per il governo. "Al tempo delle accuse non avevo niente in comune con lui: parlavamo, questo era tutto. Se non fosse stato per lui, non mi sarebbe successo nulla. È una questione politica" dice. "Quando mi hanno arrestato non potevo uscire. A un certo punto ho detto al detective: devo andare al lavoro, ho cinque figli da sfamare. Lui ha iniziato a ridere: Piotr, dicci quello che vogliamo sentire e tutto andrà bene, tornerai al lavoro e non andrai in carcere. Ma ho detto di no". L'imprenditore è sicuro al 99% che il verdetto del tribunale non cambierà e dovrà tornare in carcere, ma non si è pentito del suo comportamento: "Il mio motto - dice - è fai quello che puoi, sarà quel che sarà, se si agisce secondo coscienza ne vale sempre la pena". La moglie Lydia è fiduciosa nel futuro. "Andremo avanti - dice - cosa faremo? Il mondo è pieno di gente onesta, ci aiuteranno". Ofitserov, fino a poco tempo fa sconosciuto, si è trovato coinvolto quasi per caso in una vicenda più grande di lui, un processo criticato anche da Stati Uniti e Unione europea. "La mia società è stata usata per arrivare a Navalny" dice. Il risultato è che, se prima i due si conoscevano poco, grazie al sistema investigativo e giudiziario russo ora sono diventati amici.(immagini Afp)

0 commenti