Advertising Console

    21 anni dopo, Palermo ricorda Paolo Borsellino. In città le manifestazioni in memoria strage di via D'Amelio

    Riposta
    askanews

    per askanews

    1,1K
    34 visualizzazioni
    Palermo, (TMNews) - Palermo si ferma per ricordare la strage di via D'Amelio, davanti al portone dove 21 anni fa furono uccisi il giudice Paolo Borsellino e i suoi uomini. Gli agenti delle scorte si sono ritrovati per testimoniare il sacrificio di quegli "angeli custodi". A parlare è Luigi Lombardo, segretario nazionale del Siap."Li ricordiamo in maniera silenziosa - ha detto Lombardo -, ma vogliamo ci sia la giusta attenzione per quei poliziotti che hanno perso la vita per costruire la democrazia nel nostro Paese e per liberare la nostra terra dalla mafia. Perché in Sicilia abbiamo la mafia, ma anche l'antimafia viene fatta dai siciliani. Quegli angeli custodi hanno dato la loro vita al fianco dei magistrati, insieme in primo piano per liberare la nostra terra e il nostro paese".Il presidente nazionale dell'ANM, Rodolfo Sabelli ha ribadito il valore del ricordo anche per le indagini."La ricerca della verità deve continuare e soprattutto non deve mai venir meno. La fiducia non solo nella capacità delle istituzioni di affermare la giustizia su fatti di una gravità straordinaria".Anche i presidenti di Camera e Senato Boldrini e Grasso hanno voluto ricordare la testimonianza di Borsellino che ha lasciato un segno profondo nella società.