Contro la leucemia anche senza chemio, successo italiano. Studio pubblicato dal New England Journal of Medicine

askanews

per askanews

851
57 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Roma (TMNews) - Un grande progresso nella lotta alla leucemia ed è targato Italia: dalla leucemia acuta promielocitica si guarisce anche senza chemioterapia. Un successo che ha coinvolto centri italiani e tedeschi ma è stato coordinato dall'Italia, destinato a cambiare i protocolli d'intervento negli ospedali. Il professor Franco Mandelli è il presidente dell'Ail, associazione nazionale contro la Leucemia:"Il professor Lo Coco che è l'autore di questo lavoro che è stato pubblicato in una delle riviste più importanti del mondo, è riuscito a dimostrare che senza farmaci chemioterapici la leucemia promielocitica ha la possibilità di essere curata e guarire in più del 90% dei casi con farmaci biologici, quindi non chemioterapici".La ricerca in Italia è stata promossa dal gruppo GIMEMA e finanziata dall'Ail. Profonda la soddisfazione di Francesco Lo Coco, ematologo all'università di Tor Vergata a Roma:"La direzione è questa, quella dei farmaci che devono colpire in maniera specifica il bersaglio per evitare tutti qugli effetti collaterali, infezioni nausea vomito perdita di capelli. Il paziente sta un mesetto ma poi il resto della cura che dura in tutto circa 28 settimane si può fare in day hospital con circa due ore di infusione endovenosa ma facendo per il resto una vita del tutto normale".

0 commenti