Vuoi rimuovere tutte le tue ricerche recenti?

Tutte le ricerche recenti saranno cancellate

La Tanzania cresce e la Cina è sempre più vicina. Da Pechino 10 miliardi di dollari per un nuovo porto

4 anni fa225 views

Dar es Salaam (TMNews) - Il recente viaggio nel continente africano del presidente cinese Xi Jinping, oltre a sottolineare l'interesse di Pechino in Africa, è servito anche a ribadire la collaborazione di vecchia data con la Tanzania.Complessivamente, la cooperazione tra Africa e Cina prevede nell'arco di tre anni un prestito di 20 miliardi di dollari destinati alle infrastrutture, all'agricoltura e alle imprese. Gli scambi commerciali tra Africa e Cina nel 2012 hanno raggiunto un valore 198 miliardi di euro, un aumento del 19,3% rispetto al 2011. Dal 2009 la Cina è diventata infatti il partner commerciale più importante del continente, con 2.000 società che operano in 50 paesi del continente.E in questo quadro Pechino rilancia anche la partnership con la Tanzania investendo nelle infrastrutture con il progetto di un porto commerciale a nord di Dar es Salaam a un costo previsto intorno ai 10 miliardi di dollari.La costruzione a Bagamoyo della più grande infrastruttura portuale della regione è destinata a sviluppare il ruolo di hub commerciale della Tanzania nel continente e sul mercato internazionale. Come spiega Jacques Morisset, esperto di questioni africane della Banca mondiale."La Tanzania può trasformarsi in una porta spalancata per il commercio internazionale, uno sbocco per tutta la regione. Oggi il suo unico grande porto è quello di Dar es Salaam. Ma è meno efficiente di quello di Mombasa, in Kenya, un esempio tutt'altro che significativo".Gli scenari che si aprono con la costruzione del porto di Bagamoyo, a detta degli esperti, potrebbero portare a un guadagno di 2,7 miliardi di dollari per tutti i paesi limitrofi offrendo nuove opportunità economiche non solo alla Tanzania ma anche all'Uganda, al Ruanda, al Congo orientale e allo Zambia.(immagini Afp)