Malala all'Onu: I talebani non sono riusciti a farci tacere. Leader garantiscano diritti a istruzione a ogni bambino

askanews

per askanews

884
147 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
New York, (TMNews) - Una lezione memorabile di democrazia ai grandi della Terra da una ragazza di soli 16 anni. Malala, la ragazza pachistana ferita dai talebani mentre andava a scuola, nel giorno del sui compleanno, ha parlato davanti all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite."Il 19 ottobre i Talebani mi hanno colpito alla testa. Pensavano che quel proiettile ci avrebbe fatto tacere per sempre, ma hanno fallito", ha detto la ragazza dalla tribuna del Palazzo di Vetro."I terroristi non hanno cambiato niente nella mia vita, tranne che la mia debolezza, la mia paura e la mia disperazione sono morte", ha detto ancora nell'evento organizzato per il 'Malala Day', giornata internazionale istituita in suo onore."Ricordatevi che il Malala day non è la mia giornata ma quella di ogni donna, ogni bambino e ogni bambina che abbiano alzato la voce per far valere i propri diritti".La giovane ha poi chiesto ai politici di prendere delle misure urgenti per garantire ad ogni bambino il diritto all'istruzione e ha chiesto di combattere per i diritti delle donne "perché sono quelle che soffrono di più"."Un bambino, un insegnante, una penna e un libro possono cambiare il mondo. L'istruzione è l'unica soluzione. L'istruzione prima di tutto", ha sottolineato con forza la militante pachistana accolta da una standing ovation.(IMMAGINI AFP)

0 commenti