Milanese una società su 12, capoluogo lombardo mantiene primato. Camera di commercio potrà proporre modifiche diritto societario

askanews

per askanews

885
4 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Milano (TMNews) - Con oltre 160mila società registrate, una su 12 del totale italiano, Milano mantiene il primato nel mondo delle imprese, ma allo stesso tempo mostra anche capacità di cambiare pelle per cercare di rendersi meno vulnerabile agli attacchi della crisi. Lo sottoliena l'Osservatorio del diritto societario della Camera di commercio di Milano che a 10 anni dalla riforma di questa materia giuridica ha evidenziato come nell'ultimo anno le società per azioni attive siano diminuite del 5,3%, mentre le società semplici siano cresciute del 2,7%.Il bilancio della riforma, secondo il coordinatore dell'Osservatorio Paolo Montalenti, è comunque nel complesso positivo: "La riforma ha da un lato aperto molto spazi all'autonomia privata con una maggiore flessibilità dei modelli societari, in particolare delle srl, dall'altro ha introdotto anche regole più stringenti". Questo non esclude però la necessità, per il futuro, di qualche aggiustamento sul fronte dei controlli e l'Osservatorio, spiega il suo presidente Bruno Ermolli avrà voce in capitolo. "Siamo nelle condizioni di mettere in moto il diritto di proposta che le Camere di commercio hanno dal 1993 e di suggerire modifiche normative a chi di competenza, cioè il ministero della Giustizia". Uno strumento in più per fare in modo che eventuali novità normative siano tagliate su misura delle imprese.

0 commenti