Egitto, tensione altissima: Fratelli Musulmani denunciano stragi. "Decine di morti al Cairo". Ordinata un'inchiesta

Prova il nostro nuovo lettore
askanews

per askanews

926
19 visualizzazioni
  • Informazioni
  • Export
  • Aggiungi a
Il Cairo (TMNews) - Egitto in pieno caos e, secondo molti analisti, a un passo dal baratro. Mentre i movimenti che sostengono il nuovo corso dei militari discutono sulle nomine politiche, i Fratelli Musulmani denunciano una vera e propria strage con decine di militanti islamisti uccisi dall'esercito durante una manifestazione e invocano una "rivolta" degli egiziani contro chi ha destituito il presidente Morsi."Il popolo egiziano - dice con foga un sostenitore della Fratellanza - ha eletto presidente Morsi, lui è il legittimo Capo di Stato, il solo presidente dell'Egitto e la democrazia va rispettata. Ma l'esercito ha assassinato la democrazia".Il neo Capo dello Stato Adly Mansour ha ordinato di aprire un'inchiesta sull'episodio del Cairo. Ma intanto in piazza Tahrir continuano le manifestazioni a sostegno dell'operato dei militari. Dopo i fuochi artificiali dei giorni scorsi, però, si comincia a sentire anche qualche voce preoccupata per il futuro del Paese."Trovo del tutto sbagliato - spiega questo giovane - quello che sta succedendo in Egitto. Quello che stanno facendo tanto i sostenitori di Morsi quanto i suoi oppositori porterà il caos in tutto il Paese".Il clima, dunque, è di grande incertezza e il mondo guarda a figure come quella di Mohamed El Baradei, che già parla di una "necessità di conciliazione". Che però al momento pare ancora molto lontana.

0 commenti